Facebook

Chi lo ha detto che

gli abissi sono insondabili?

la bellezza di abbracciare nuove prospettive

Doppiaggio del parlato televisivo - DubTalk

Ricercatrice principale

Annalisa Sandrelli

Altri partecipanti

Silvia Bruti, Veronica Bonsignori (Università di Pisa)
Marta Biagini, Dario Matteo Sparanero, Mariachiara Sbragaglia (assegnisti UNINT)

Ambito di ricerca

Traduzione audiovisiva (doppiaggio)

Anno di inizio

2013

Durata prevista

2 anni

Obiettivi

La ricerca ha l’obiettivo di studiare le caratteristiche della testualizzazione del parlato televisivo e della sua tLa ricerca si propone di studiare le caratteristiche del parlato televisivo e cinematografico della sua traduzione nella modalità del doppiaggio, la più diffusa in ambito italiano. Più specificamente, il progetto ha l'obiettivo di allestire un corpus parallelo con trascrizioni dei dialoghi di alcuni film e serie TV britannici e americani e delle loro versioni doppiate in italiano, per poter realizzare alcuni studi sugli aspetti sociolinguistici e pragmatici coinvolti nella traduzione di vari generi cinematografici e televisivi.

Breve descrizione del progetto

Il primo passo della ricerca è rappresentato dall'allestimento di un corpus, costituito dalle trascrizioni dei dialoghi originali e dei dialoghi doppiati. Nell’ambito del progetto vengono assegnate agli studenti tesi di laurea e lavori individuali sia presso la LUSPIO che l’Università di Pisa per contribuire con le loro trascrizioni e le loro analisi ad accrescere il corpus. Più specificamente, il corpus comprende circa 100 episodi di serie TV e una decina di film (drammi,commedie, serie giudiziarie e poliziesche, drammi in costume, sit-com, serie a tematica gay e cartoni animati) in lingua inglese e versione tradotta in italiano. Il secondo passo è la revisione accurata delle trascrizioni per poterle analizzare anche con software per l’interrogazione di corpora elettronici (Wordsmith Tools). Il terzo è la realizzazione di studi su specifici sotto-corpus che rappresentano generi testuali diversi, concentrandosi sugli aspetti sociolinguistici e pragmatici del dialogo televisivo e della loro traduzione nel doppiaggio, tra cui, ad esempio, l’espressione della cortesia - attraverso allocutive, espressioni fatiche, small talk e complimenti - e della scortesia - uso di insulti e epiteti ingiuriosi, atti linguistici minacciosi per la faccia - l'uso delle varietà - i diversi ‘Englishes', le varietà marcate da un punto di vista sociolinguistico. Il quadro teorico è costituito dall'integrazione di varie prospettive di analisi linguistica (analisi della conversazione/discorso, pragmatica e sociolinguistica) e dagli studi sulla linguistica dei corpora e sugli universali traduttivi.

Risultati attesi

I principali risultati attesi sono:

  •  incrementare la consapevolezza dell'identità culturale e dei valori sociali rappresentati nei testi originali e nei testi tradotti;
  •  promuovere maggiore consapevolezza delle peculiarità delle caratteristiche narrative e semiotiche della fiction televisiva seriale e  del parlato televisivo;
  •  usare il materiale del corpus per promuovere l'apprendimento linguistico anche a livelli avanzati. Le interazioni contestualizzate raccolte nel corpus possono rappresentare infatti un valido strumento didattico.

Altro

Si veda il sito per maggiori informazioni sulle attività di ricerca e didattica direttamente collegati al progetto  (http://dubtalk.unint.eu).