Facebook

Chi lo ha detto che

gli abissi sono insondabili?

la bellezza di abbracciare nuove prospettive

Progetto internazionale SMART (Shaping Multilingual Access through Respeaking)

Il progetto SMART (Shaping Multilingual Access through Respeaking), finanziato dallo Economic and Social Research Council (ESRC) dell’agenzia nazionale per la ricerca nel Regno Unito, vede la partecipazione dell’Università del Surrey come capofila (Principal Investigator Prof.ssa Elena Davitti, Co-Investigator Prof. Simon Evans) e la partecipazione di altre tre unità di ricerca: Università di Roehampton (Co-Investigator Prof.ssa Lucile Desblache), Università di Vigo (International Co-Investigator Prof. Pablo Romero-Fresco) e UNINT (International Co-Investigator Prof.ssa Annalisa Sandrelli). Completano la squadra accademica tre assegniste di ricerca: la dott.ssa Hayley Dawson (PhD in Translation Studies), la dott.ssa Louise Fryer (PhD in Experimental Psychology) e la dott.ssa Zoe Moores (dottoranda in Translation Studies). Al progetto partecipano inoltre Ai-Media, Sky e Sub-ti Ltd come partner aziendali attivi nel settore dell’accessibilità e dei servizi audiovisivi: l’input dei partner aziendali sarà fondamentale per definire bisogni e aspettative del mercato nei confronti di questo nuovo servizio.

Il respeaking interlinguistico è una modalità di traduzione ibrida che mette insieme aspetti dell’interpretazione simultanea e della sottotitolazione, e che sfrutta la tecnologia di riconoscimento del parlato. Grazie a questa tecnica si possono sottotitolare in tempo reale trasmissioni televisive ed eventi dal vivo come congressi, festival, conferenze stampa e così via, superando contemporaneamente le barriere sensoriali e quelle linguistiche e promuovendo l’accessibilità ai contenuti e l’inclusione sociale. Tuttavia, si tratta di un servizio sperimentale e ancora poco diffuso che si basa su una complessa interazione uomo-macchina.

Il progetto SMART ha l’obiettivo di studiare la fattibilità del respeaking interlinguistico attraverso una serie di esperimenti con la partecipazione di soggetti attivi in varie professioni linguistiche (interpreti, sottotitolatori, respeaker, traduttori). I dati raccolti permetteranno di definire competenze, abilità e aspetti cognitivi coinvolti in questa complessa tecnica, per poter creare dei corsi di aggiornamento professionale adattabili alle esigenze dei partecipanti.

SMART ha avuto inizio il 1 luglio 2020 e si concluderà a settembre 2022 e prevede una serie di attività di ricerca e alcune iniziative di divulgazione che saranno annunciate sull’apposito sito, attualmente in fase di sviluppo.

Responsabile scientifica UNINT

Annalisa Sandrelli (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Contatti

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.