Facebook

Chi lo ha detto che

fidarsi è bene non fidarsi è meglio?

la bellezza di abbracciare nuove prospettive

Sportello di Ascolto

L’Università rappresenta un luogo privilegiato di crescita culturale, sociale e psicologica per i suoi discenti. Oltre al trasferimento di mere conoscenze, infatti, il mondo universitario deve favorire lo sviluppo di capacità astrattive, creative e di problem solving utili allo sviluppo sociale complessivo della persona e alla acquisizione di reali competenze lavorative. Diventa, pertanto, rilevante per UNINT e il suo Centro di Ricerca DRC supportare lo sviluppo dell’identità e della soggettività attraverso un ascolto attivo e costante del singolo al fine di rendere più agevole il percorso di studi e la costruzione della personalità sociale dei discenti. Nello specifico il dialogo e la condivisione rappresentano strumenti che favoriscono il benessere degli allievi e possono prevenire il disagio giovanile. Uno sportello di ascolto, può dunque agire su diversi ambiti:

  • Apprendimento: lo sportello agirà nell’ottica della prevenzione e del fronteggiamento rispetto a difficoltà di apprendimento, demotivazione e perdita di aspettative, problematicità nella pianificazione degli obiettivi;
  • Relazionale: lo sportello supporterà in situazioni di disagio nelle relazioni con i docenti e con il gruppo dei pari;
  • Personale: lo sportello potrà fornire consigli e spunti in caso di disagi emotivi, familiari e sociali individuali;
  • Identità professionale: lo sportello fornirà supporto nella costruzione della propria personalità lavorativa migliorando le capacità individuali e supportando nella scelta dei specifici percorsi formativi post lauream.

Obiettivi

L’obiettivo principale dello sportello è di offrire consulenza ai ragazzi per sostenerli durante il proprio percorso di crescita. Rappresenta, pertanto, un’opportunità di ascolto per la prevenzione problematiche emotive e relazionali dei discenti. Nello specifico le azioni dello sportello saranno indirizzate nei seguenti campi di azione:

  • Offrire un luogo di accoglienza e di ascolto per esprimere Sé stessi;
  • Favorire una corretta pianificazione degli obiettivi didattici personali, fornendo indicazioni su metodi di studio efficaci;
  • Promuovere il dialogo tra docenti e discenti;
  • Individuare difficoltà relazionali e comportamentali, ed eventuali situazioni problematiche;
  • Promuovere il benessere psico-sociale della comunità universitaria.

Strutturazione dello Sportello

Lo sportello, coordinato dal Dott. Alessandro Frolli, è gestito e organizzato in uno spazio individuato dall’Ateneo nel quale si potranno organizzare:

  • Colloqui individuali con i ragazzi su richiesta specifica dell’allievo (tali colloqui non avranno una valenza terapeutica ma rappresenteranno un momento di confronto edascolto);
  • Colloqui individuali e di gruppo con i docenti, spazio dedicato al confronto e condivisione di strategie educative e didattiche efficaci;
  • Incontri Informativi su tematiche socialmente rilevanti (come social media, bullismo, cyberbullismo, comportamenti devianti, disturbi specifici di apprendimento);
  • Questionari e interviste (anonimi) per rilevare disturbi specifici e valutare lo stato di benessere generale.

Orario e contatti

Lo sportello è attivo via Skype il giovedì dalle 14:30 alle 18:30 previo appuntamento all'indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..