Facebook

Chi lo ha detto che

tutto ha una fine?

la bellezza di abbracciare nuove prospettive

Corsi di laurea triennale

LINGUE PER L'INTERPRETARIATO E LA TRADUZIONE (L-12)

Percorso bilingue: consente di conseguire un titolo di laurea in due lingue a scelta dello studente.

Percorso trilingue: consente di conseguire un titolo di laurea in tre lingue a scelta dello studente.

ECONOMIA E MANAGEMENT D'IMPRESA (L-18)

Curriculum in Digital management: è incentrato sulla gestione dei processi di digitalizzazione e risponde alla crescente domanda di laureati in grado di comprendere le moderne dinamiche dell’economia delle reti e di applicarne gli strumenti e le logiche nel management aziendale. In questo curriculum sono oggetto di approfondimento i profili caratteristici dell’economia digitale, le caratteristiche strutturali e manageriali delle imprese innovative, il marketing e la comunicazione attraverso il canale digitale e i social media, i processi di start-up aziendale, gli algoritmi matematici alla base delle reti informative e tecnologiche, gli strumenti statistici di analisi dei dati (business analytics), i processi di intermediazione finanziaria attraverso i nuovi strumenti di pagamento elettronico e i profili evolutivi della gestione dei rapporti tra cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni attraverso la rete (e-government). Il piano di studi prevede inoltre al terzo anno un laboratorio obbligatorio di Web design, finalizzato all’acquisizione delle tecniche di creazione di siti Internet e di produzione di contenuti multimediali.

Curriculum in Green management: forma professionisti in grado di supportare le imprese moderne nel fronteggiare i rischi determinati dal cambiamento climatico, che rappresenta la principale sfida sociale ed economica del XXI secolo. In questo curriculum sono oggetto di approfondimento i concetti di sviluppo sostenibile e di responsabilità sociale d’impresa, e vengono esaminati i più recenti modelli economici e gestionali che sono alla base delle cosiddette “green practices”, quali l’economia circolare, l’innovazione sostenibile, la comunicazione sociale, la gestione dei rischi ambientali e la finanza etica. Gli studenti, inoltre, avranno la possibilità di approfondire le normative e le politiche economiche in atto a livello nazionale e internazionale per conformare i modelli di business all’esigenza di garantire la tutela dell’ambiente, l’utilizzo efficiente delle risorse naturali, l’adozione di fonti energetiche rinnovabili e l’ottimizzazione dei cicli di produzione mediante il riciclo degli scarti e l’impiego di tecnologie “verdi”. Particolare attenzione è dedicata alla componente etica del concetto di azienda, al fine di formare manager in possesso di una forte sensibilità ambientale e degli strumenti operativi idonei a coniugare l’efficienza della gestione aziendale con il rispetto del pianeta, dei suoi abitanti e delle sue risorse naturali.

Curriculum in International management: è incentrato sulla gestione dei processi di internazionalizzazione aziendale e risponde alla domanda di laureati in grado di operare all’interno di mercati globali supportando le politiche di export e di global management. Questo curriculum si caratterizza per la presenza di 5 insegnamenti in lingua inglese finalizzati ad acquisire conoscenze e competenze inerenti all’economia internazionale (Economics of globalisation), alle tecniche e agli strumenti di marketing internazionale (International marketing), al management internazionale e alla gestione delle risorse umane (Cross-cultural management), alla struttura dei mercati finanziari globali (International financial markets) e al diritto del commercio internazionale (International business law). Il profilo internazionale di questo percorso è completato dallo studio di una seconda lingua straniera attraverso un corso annuale da 12 CFU che non richiede conoscenze pregresse.

SCIENZE POLITICHE PER LA SICUREZZA E LE RELAZIONI INTERNAZIONALI (L-36)

Percorso Sicurezza internazionale e criminalità: è disegnato nella consapevolezza del mutamento del concetto di “sicurezza”, la cui tradizionale connotazione prevalentemente difensiva appare oggi riduttiva rispetto alle nuove minacce agli interessi della Nazione e all’ordine costituzionale. Le politiche di sicurezza oggi debbono svilupparsi soprattutto sul fronte della prevenzione e delle analisi di scenario, tenendo presente sia il processo di deterritorializzazione e di “virtualizzazione” che interessa le odierne minacce, sia le nuove marginalità e i diffusi conflitti sociali, collegati ai mutamenti geopolitici e geoeconomici di cui sopra.

Percorso Relazioni internazionali: offre l'opportunità ai discenti di comprendere e valutare  le opportunità e i rischi connessi ai mutamenti geopolitici e geoeconomici, con particolare riferimento all’esigenza di contrastare in maniera efficace l’aggressività e la competitività dei Paesi con deboli o inesistenti politiche di welfare che incidono in maniera significativa sul costo del lavoro, per un verso, e di rimuovere le debolezze strutturali del sistema-Paese, ad esempio in materia di produttività e innovazione.

Sei uno studente UNINT? Accedi alla nuova MyUnint