MA CHE COMBINI?

didattica, ricerca e terza missione

Presentazione del volume: Gnostic Jihadism. A Philosophical Inquiry into Radical Politics

25
Mar
2021

15:30 - 17:00

UNINT - Roma

La Facoltà di Scienze della Politica e delle Dinamiche Psico-Sociali UNINT, in collaborazione con il Centro Studi sulla Geopolitica e il Diritto GEODI, organizza per l'anno accademico 2020/21 un ciclo di conferenze sul tema: "Forum Islam".


Il 25 marzo 2021 alle ore 15:30 si terrà in diretta streaming la presentazione del volume "Gnostic Jihadism. A Philosophical Inquiry into Radical Politics" di Giacomo Maria Arrigo.

Introduce

Ciro Sbailò, Preside della Facoltà di Scienze della Politica e delle Dinamiche Psico-Sociali UNINT

Ne discutono

Francesco A. Leccese, Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT
Francesca Bocca-Aldaqre, Università Vita-Salute San Raffaele di Milano
Giacomo Samek Lodovici, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Interviene

Giacomo Maria Arrigo, autore del volume

L’analisi del fenomeno jihadista si è sovente soffermata su questioni geopolitiche e militari, e quindi prettamente empiriche. Il presente lavoro, invece, studia il salafismo-jihadismo, cioè l’ideologia di gruppi come al-Qaʿ̄ ida e l’autoproclamato Stato Islamico, in un’ottica inedita, adottando la categoria filosofica di gnosticismo rivoluzionario elaborata da Eric Voegelin, Augusto Del Noce e altri importanti pensatori. Le peculiarità di una simile categoria richiede una attenta definizione dei termini in questione. E così la prima parte del libro è dedicata allo studio della letteratura sul tema dello gnosticismo rivoluzionario, senza tralasciare una comparazione con la gnosi antica del II secolo d.C., a proposito della quale non è possibile parlare di mera equiparazione né di derivazione genetica, arrivando infine a definire lo gnosticismo rivoluzionario nei termini di una vera e propria mentalità, concludendo quindi con la proposta di una definizione analitica del suo contenuto attraverso l’elaborazione del cosiddetto pattern gnostico, una schema composto da sei punti che ne circoscriva l’identità. I sei punti sono anti-cosmismo, tripartizione della storia, immanentizzazione dell’eschaton, gnosi, auto-redenzione politico-rivoluzionaria, e dualismo sociologico. Per provare la validità di un simile schema si sono passate in rassegna le rivoluzioni che la letteratura ha vieppiù considerato gnostico-rivoluzionarie, e quindi la sollevazione degli anabattisti radicali a Münster nel 1534-35, il puritanesimo in Gran Bretagna nel XVII secolo, la parentesi giacobina durante la Rivoluzione francese, il Terzo Reich nazista e il bolscevismo in Unione Sovietica. La seconda parte del presente lavoro prova come anche il salafismo-jihadismo faccia parte della famiglia delle rivoluzioni gnostico-rivoluzionarie, e per dimostrare ciò innanzitutto prende in considerazione singolarmente i termini del binomio, salafismo e jihadismo, mostrando come siano sostanzialmente indipendenti l’uno dall’altro: solo se combinati insieme diventano un cocktail esplosivo. E infatti l’attitudine salafita, che si contraddistingue per una generale volontà di aderire fedelmente all’epoca del Profeta Muhạ mmad e alle prime tre generazioni dei musulmani, gli al-Salaf al-Ṣal̄ ih,̣ assume carattere violento e redentivo oltreché purificatore solo se abbinato al jihadismo, che è invece la volontà di impegnarsi attivamente nella realtà attraverso azioni violente e presumibilmente prescritte da Dio. In questo disegno, l’uomo si sostituisce a Dio, assumendo su di sé il Suo potere redentivo, e, come ha scritto Augusto Del Noce, avviene il processo per cui «la rivoluzione è sostituita alla grazia». L’immanentizzazione dell’eschaton (la realtà ultima), celebre espressione voegeliana, definisce intimamente il progetto politico-culturale dello gnosticismo rivoluzionario, che si può riassumere nella distruzione del mondo passato e presente per la costruzione del mondo nuovo, dove il finalmente costituito homo islamicus, destinazione finale dell’intera umanita,̀ sarà impeccabile, nel senso di incapace di peccare. L’analisi è svolta sui documenti prodotti da ideologi di al-Qaʿ̄ ida e dello Stato Islamico, sulle traduzioni dall’arabo di importanti analisti e accademici, sulle riviste di propaganda islamista direttamente redatte nelle maggiori lingue occidentali, e sui video caricati sul web dai miliziani stessi, senza trascurare uno studio storico intorno alla genesi del salafismo-jihadismo, dal quale emerge che l’incontro/scontro con l’Occidente ha giocato un ruolo chiave. Il libro, pertanto, si inserisce anche fra le strategie di contro-narrazione per contrastare la propaganda jihadista, poiché dimostrare come il salafismo-jihadismo sia essenzialmente una ideologia atea – l’uomo che prende il posto di Dio e il carattere intramondano del progetto di salvezza califfale – significa indebolirla e depotenziarla fino al punto di esibirne l’estraneità rispetto alla tradizione spirituale islamica.

Scarica la locandina





Newsletter Eventi UNINT

 

Vuoi ricevere via email gli eventi dell'Ateneo? Compila il form sottostante!

Instagram Facebook LinkedIn Twitter YouTube Telegram TikTok