Facebook

Chi lo ha detto che

il cielo è bello quando è terso?

la bellezza di abbracciare nuove prospettive

03
Apr
2020

Aiutaci a lottare contro la violenza di genere: 1522 numero e app antiviolenza

In questo momento di crisi legata all’emergenza epidemiologica da COVID-19 è necessario porre attenzione alle implicazioni che le necessarie misure restrittive poste in essere per il contenimento e la gestione dell’emergenza hanno sulla piaga sociale della violenza di genere.

Dai dati del Telefono Rosa, emerge che “in questo periodo di coabitazione forzata e di restrizioni alla circolazione, le donne denunciano meno le violenze subite dai propri partner; si sta registrando un vero e proprio crollo delle segnalazioni, le chiamate al 1522 nelle due ultime settimane si sono dimezzate rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e le denunce alle Forze dell’Ordine sono diminuite del 50%.”. Tuttavia, tali dati non sono certo da intendersi indicativi di una riduzione degli episodi di violenza.

Molte donne, costrette a restare in famiglia e dunque a diretto contatto con i propri aguzzini, sono oggetto di violenza domestica in queste settimane. Nel 2019, nel nostro Paese l’81,2% dei femminicidi è avvenuto all’interno della famiglia.

Al fine di scongiurare che si verifichi un’impennata di violenze sulle donne e di femminicidi, come già accaduto e denunciato da alcune ONG in Cina, riteniamo fondamentale contribuire alla diffusione del numero antiviolenza 1522, un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito e attivo 24 ore su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking. Per avere aiuto o anche solo un consiglio è possibile chiamare il 1522 (il numero è gratuito anche dai cellulari), scaricare l’app 1522 sullo smartphone per chattare con un’operatrice oppure chattare direttamente dal sito 1522 con un’operatrice. Questo rappresenta una valida alternativa per le donne che per paura di essere ascoltate dal proprio convivente non denunciano le violenze subite.

Vi preghiamo di diffondere questa informazione a tutte le persone che possano averne bisogno.

Libera puoi”, campagna promossa dal Dipartimento per le Pari opportunità a sostegno delle donne vittime di violenza durante la difficile emergenza causata dall'epidemia da Covid19