Presentazione

Stampa PDF email

Classe: L-12

Anno Accademico: 2018-2019

Durata: 3 anni

Accesso: libero 

Sede: Roma

Riconoscimenti:  CIUTI

Scarica la brochure

Obiettivi formativi

Il Corso di laurea triennale in Lingue per l’interpretariato e la traduzione fornisce una solida formazione linguistica e un’adeguata preparazione sulle culture dei paesi le cui lingue sono oggetto di studio. L’acquisizione di tali conoscenze e competenze è propedeutica a intraprendere percorsi formativi specialistici nel campo dell’interpretariato, della traduzione, dell’insegnamento delle lingue, del management e delle relazioni internazionali.

Requisiti d'accesso

L'accesso al Corso di laurea richiede:
• diploma quinquennale di scuola media superiore o titolo equipollente;
• ottima padronanza della lingua italiana. All’inizio del corso sarà svolta una prova di lingua italiana. Agli studenti che risulteranno non idonei potranno essere attribuiti debiti formativi in lingua italiana, da sanare        secondo modalità concordate con il docente del corso di Lingua italiana;
• conoscenza della terminologia grammaticale e sintattica di base;
• padronanza equivalente al livello B1, come descritto nel Quadro comune europeo di riferimento per le lingue, esclusivamente in inglese se tra le lingue di studio;
• competenze base nell’uso degli strumenti informatici.
 
Per i principianti e per coloro che hanno competenze linguistiche di base sono previsti precorsi di francese, inglese, spagnolo e tedesco a partire dal 17 settembre 2018

Materie di studio e percorsi didattici

L’articolazione del Corso di laurea consente agli studenti di seguire le proprie inclinazioni e di definire il piano di studi scegliendo tra i seguenti percorsi: (1) interlinguistico e culturale, nel cui ambito si approfondisce, parallelamente allo studio della lingua, la riflessione critica sui meccanismi a essa sottesi con l’obiettivo di accrescere la consapevolezza linguistica degli studenti e di dotarli di maggiore
capacità di apprendimento rispetto a nuove lingue e culture; (2) politico-economico, che attraverso lo studio di discipline di taglio giuridico-politologico ed economico consente agli studenti di caratterizzare positivamente il proprio profilo, arricchendolo di conoscenze e competenze interdisciplinari, ormai fondamentali per un rapido inserimento nel mondo del lavoro; (3) trilingue, che consente di conseguire un titolo di laurea in tre lingue a scelta dello studente.
 
Gli studenti sono introdotti alla traduzione nelle sue modalità scritta e orale e allo studio dei linguaggi settoriali tra cui quello giuridico, dello spettacolo, dell’editoria, dello sport e della sanità. Gli studenti potranno inoltre approfondire tematiche altamente professionalizzanti utili ai fini dell’inserimento nel mondo del lavoro tra cui moda, enogastronomia e marketing, contrattualistica internazionale e linguaggio televisivo e cinematografico attraverso percorsi realizzati ad hoc.
 
A conclusione del programma didattico è previsto un laboratorio di avviamento alle diverse modalità dell’interpretazione con l’obiettivo di permettere agli studenti di operare scelte consapevoli in vista della realizzazione del proprio progetto formativo e professionale.

Attività di laboratorio e competenze trasversali (soft skills)

Il piano di studi prevede per ciascuna annualità una serie di attività laboratoriali finalizzate all’acquisizione di competenze trasversali (soft skills) che mirano alla crescita individuale e alla valorizzazione della personalità e delle capacità relazionali, sviluppo che rappresenta un valore aggiunto nell’approccio al mondo del lavoro. Gli studenti potranno scegliere di approfondire le seguenti tematiche: leadership, team building, intelligenza emotiva e people empowerment, public speaking, dizione, studio efficace, training fisico-teatrale e comunicazione interculturale.
 

Visualizza il PIANO DI STUDI

Profilo in uscita e sbocchi professionali

Il conseguimento del titolo di laurea triennale consente di proseguire gli studi in più direzioni, scegliendo percorsi orientati verso le attività professionali nel campo dell’interpretariato e della traduzione (LM-94), verso il conseguimento di titoli per l’accesso all’insegnamento delle lingue straniere nella scuola secondaria secondo le procedure stabilite dal MIUR (LM-37) oppure verso il management e le relazioni internazionali (LM-77). I laureati potranno intraprendere attività di mediazione linguistica e culturale tra aziende, istituzioni, organizzazioni ed enti nazionali e internazionali, appartenenti al settore pubblico e privato.
 

 

TORNA SU